Diabete Mellito in gravidanza: prevenzione e consigli

È oramai consolidato il fatto che l’attività fisica apporti benefici fisici e psicologici al nostro corpo, sia in soggetti sani che patologici. In questo articolo tratteremo di donne in gravidanza cercando di dare consigli utili.

Benefici dell’attività fisica in gravidanza

Ecco alcuni dei principali effetti positivi che seguono un’attività fisica moderata:

  • Diminuzione del GWG (gestational weight gain)
  • Benefici su ipertensione e Preeclampsia
  • < Macrosomia (feto nato con un peso superiore a kg)
  • Travaglio e parto più veloci
  • Effetti positivi su depressione post-parto
  • Miglioramenti su dolori del tratto lombare 

Benefici nella prevenzione del Diabete Mellito in gravidanza (GDM)

Il diabete mellito gestazionale (GDM) è la più comune complicanza della gravidanza. È caratterizzato da una intolleranza al glucosio di entità variabile, che inizia o viene diagnosticata per la prima volta in gravidanza e, nella maggior parte dei casi, si risolve non molto tempo dopo il parto.

Si stima che circa il 7% delle gravidanze sia complicato da diabete ma varia ampiamente fra le diverse popolazioni: 

  • Asiatica (9.7%)
  • Ispanica (8.3%)
  • Afroamericana (6,4)
  • Donne bianche non ispaniche (5.7%)

Inoltre, all’interno di ogni gruppo etnico, la prevalenza di GDM è aumentata nel corso del tempo parallelamente all’aumento dell’obesità in età riproduttiva.

Fattori di rischio del Diabete Mellito in gravidanza

L’insorgenza del GDM può essere causata da alcuni fattori di rischio genetici e fisici. Le guide nazionali italiane per lo screening del GDM (2011) ci riportano i seguenti dati:

Alto rischio se:

  • GDM in gravidanza precedente
  • BMI ≥ 30 Kg/m2 nella fase precedente alla gravidanza
  • Valori di FPG (Fasting plasma glucose) ≥ 100-125 mg/dl 

Medio Rischio se:

  • Età della madre ≥ 35 anni
  • BMI ≥ 25 Kg/m2 nella fase precedente alla gravidanza
  • Macrosomia precedente 
  • Presenza di diabete nella storia familiare 
  • Etnia con alta prevalenza di diabete

Tecniche di Screening 

Lo screening è un termine che indica una strategia per individuare o meno una malattia in una determinata popolazione. Nel caso del diabete gestazionale si possono utilizzare due tecniche:

  • Universale (a prescindere dai fattori di rischio si effettua lo screening su tutte le donne)
  • Selettivo (screening in base ai fattori di rischio)

In Italia è attualmente previsto uno screening selettivo del diabete gestazionale basato sulla presenza di fattori di rischio. Il solo test per la diagnosi di diabete gestazionale è l’OGTT con carico di 75 g di glucosio, ed i criteri diagnostici sono quelli indicati dall’IADPSG (fig. 1)

diabete mellito in gravidanza screening

Figura 1 (http://www.siditalia.it/pdf/Il%20Diabete%20in%20Italia_p.pdf)

Cosa causa l’insorgere del Diabete Mellito in Gravidanza?

Gli effetti negativi sulla salute della madre e del futuro figlio possiamo schematizzarli nella seguente tabella.

diabete mellito gestionale

L’attività fisica previene la comparsa del Diabete Mellito Gestionale?

La risposta è: DIPENDE! Principalmente dai seguenti fattori:

  1. Caratteristiche del campione selezionato
  2. Protocollo di allenamento seguito
  3. Abbinamento ad una dieta sana ed equilibrata 

1 Caratteristiche del campione selezionato:

In soggetti sani l’attività fisica previene il GDM a prescindere dalla dieta (In uno studio di Russo et al. è stato dimostrato che in più di 3000 donne sane dalla 6/8 settimana di gestazione l’attività fisica ha ridotto la comparsa del diabete gestazionale del 28%). In soggetti obesi (BMI≥30 kg/m2) questo non succede; anzi, persino con un intervento rivolti ad allenamento e dieta è difficile prevenirne la comparsa (DALI Lifestyle study, LIMIT study e UPBEAT study).

2 Protocollo di allenamento

Devono essere preferiti protocolli caratterizzati da allenamenti di 3/5 volte a settimana rispetto che 1 volta o nessuna (esclusivamente interventi sulla dieta). Equilibrare, poi, allenamento aerobico (protocolli di cammino o al cicloergometro, a terra o in acqua) con anaerobico (esercizi di forza ed equilibrio a corpo libero) moderati, è il metodo migliore per prevenire la comparsa del diabete gestazionale.

3 Abbinamento ad una dieta sana

Allenamento e dieta sappiamo che sono inseparabili, e a maggior ragione in gravidanza quando il corpo subisce molte modificazioni, sia a livello strutturale che ormonale. Quando a questa situazione si aggiunge l’obesità, intervenire con una dieta bilanciata ai nostri bisogni fisiologici diventa fondamentale per migliorare la propria condizione fisica e quindi prevenire anche il GDM. 

In definitiva…

Per prevenire il diabete gestazionale, le donne possono attuare delle modifiche al loro stile di vita, sia precedentemente che durante tutta la gravidanza. Se la donna si trova in stato di sovrappeso o obesità dovrebbe cercare di perdere peso prima di un’eventuale gravidanza incrementando l’attività fisica regolare in maniera responsabile e seguendo un’alimentazione sana ed equilibrata.

A cura del Personal Trainer Mattia Scarfiello

➡️ Instagram @mattiascarfiello

ADD COMMENT