Mal di schiena e mal di pancia: quando la causa è in realtà nell’intestino!

Ciao e benvenuto in questo nuovo articolo in cui parliamo di un tema molto interessante spesso ignorato o sottovalutato, vediamo il rapporto tra mal di schiena e mal di pancia.

INDICE

  1. Mal di schiena e alimentazione
  2. Quali sono i collegamenti tra schiena e intestino
  3. Sintomi di quando è il tuo intestino a essere responsabile del tuo mal di schiena
  4. Esami e valutazioni che si possono fare
  5. Trattamento da utilizzare in questo caso
  6. 3 cose da fare per migliorare subito il tuo mal di schiena in questo caso
  7. Conclusioni

MAL DI SCHIENA E ALIMENTAZIONE: IL MAL DI SCHIENA PUÒ ESSERE LEGATO A QUELLO CHE MANGIAMO?

Anni fa mi è capitato di ricevere una persona che da anni lamentava un fastidioso mal di schiena lombare.

Facendogli un po’ di domande inerente il suo mal di schiena, ho avuto da subito il sospetto che, oltre ad una causa meccanica ci fosse qualcos’altro.

Dopo un paio di mesi tornò da me sventolando un foglio tra le mani dicendomi:

“ci avevi visto bene, le mie fitte alla schiena probabilmente erano legate all’uso esagerato del latte che facevo”

In poche parole il suo medico l’aveva mandato a fare un test per intolleranze alimentari perché Carlo (nome fittizio) soffriva anche di violenti attacchi di meteorismo.

Dal test emerse che era intollerante ai latticini.

Per cui ridusse drasticamente l’uso del latte e guarda caso anche i suoi attacchi di mal di schiena sparirono quasi del tutto.

Perché ti ho raccontato questo episodio?

Perché la maggior parte delle persone è totalmente ignara che molto spesso il mal di schiena ha come causa o con-causa l’alimentazione.

E’ circa l’80% dei casi.

Infatti molto spesso le persone sono intolleranti a un determinato alimento/i, o a una certa quantità di quello/i, e non ne sono consapevoli.

Se l’argomento ti sembra interessante puoi approfondirlo leggendo l’articolo dedicato:

“Come l’alimentazione può causarti mal di schiena?”

QUALI SONO I COLLEGAMENTI TRA SCHIENA E INTESTINO

Quando parliamo di mal di schiena legato all’alimentazione, il principale organo responsabile di questo dolore è l’intestino.

Questo a causa delle sue intime connessioni che questo organo ha con la colonna vertebrale (schiena).

NUMERO 1: COLLEGAMENTO ANATOMICO

Come abbiamo detto l’intestino è a contatto con la schiena e i suoi muscoli.

Un’irritazione cronica dell’intestino provoca risentimento a livello dei muscoli della schiena (questo per il legame che in posturologia è chiamato contenente-contenuto).

In particolare il muscolo che ne risente di più è l’ileopsoas.

APPROFONDIMENTO

L’ileopsoas ha origine sulle vertebre lombari della colonna vertebrale.

L’ileopsoas è il principale muscolo flessore dell’anca.

La sua azione principale è quella di:

  1. Flettere il busto sulle gambe (se queste ultime fungono da punto fisso – tipo nel classico esercizio “sit-up” usato per allenare gli addominali);
  2. Flettere la gamba, o le gambe, sul busto quando quest’ultimo funge da punto fisso (per esempio nell’atto di calciare un pallone).

NUMERO 2: L’INTESTINO INFLUENZA LA QUALITA’ DEI TESSUTI

I nostri tessuti, tramite l’intestino, assorbono quello che mangiamo.

Se abbiamo un’alimentazione povera di nutrienti ma ricca di cibi spazzatura allora i nostri tessuti ne risentiranno.

Il primo tessuto a risentirne e a indebolirsi indovina un po’ chi è?

E’ proprio il tessuto muscolare!

NUMERO 3: IL MICROBIOTA INTESTINALE DETERMINA LA SALUTE DEL NOSTRO INTESTINO

Come forse saprai nell’intestino è presente la cosidetta flora batterica.

Nell’ultima decade gli scienziati hanno studiato molto la sua influenza nei confronti dello stato infiammatorio dell’intestino.

Hanno visto che la salute di questi batteri è strettamente connessa alla salute del nostro intestino.

Se la flora batterica è in cattiva salute, anche l’intestino tenderà a esserlo.

Lo stato d’infiammazione dell’intestino provoca risentimento anche nella muscolatura con cui è a contatto, soprattutto l’ileopsoas, come abbiamo visto.

SINTOMI DI QUANDO E’ IL TUO INTESTINO A ESSERE RESPONSABILE DEL TUO MAL DI SCHIENA

Forse non ti piacerà ma credo che di dover essere sincero da subito…

Non esiste un esame specifico che ci dica in modo chiaro e tondo che il responsabile del tuo mal di schiena è l’alimentazione.

Questo però non vuol dire che sei condannato a brancolare nel buio.

In questo caso la soluzione migliore è fare una valutazione completa.

Se lo specialista ha chiaro che in concomitanza al mal di schiena si soffre spesso di pancia gonfia, stipsi o colon irritabile allora si può procedere con l’approccio empirico che sto per dirti:

  1. Impostare un preciso piano alimentare;
  2. Seguirlo per un lasso di tempo più o meno lungo (sarà lo specialista a indicarti per quanto seguirlo).
  3. Se pancia gonfia, stipsi, colon irritabile e mal di schiena si riducono (o addirittura scompaiono) BINGO!

L’alimento, o gli alimenti, che si sono tolti erano causa di mal di schiena.

Questo approccio si può ripetere fino a che non si trovano alimenti infiammatori.

 

LO SAPEVI CHE

Il mal di schiena è una sindrome e non una malattia.

In ambito medico è definito sindrome tutto quello a cui non può essere associata una particolare causa ma un insieme di cause (come nel caso del mal di schiena).

Se vuoi approfondire quelle che sono le reali cause del mal di schiena e capire come migliorarlo/prevenirlo, ti invito alla lettura di:

“Mal di schiena LOMBARE: Reali cause, Rimedi Naturali, Prevenzione.”

 

ESAMI O VALUTAZIONI CHE SI POSSONO COMUNQUE FARE

Con quanto abbiamo detto fino adesso non ti sto dicendo che non si può fare nulla!

Se hai problemi intestinali innanzitutto ti consiglio di andare da un gastro-enterologo.

Lui saprà guidarti al meglio e saprà dirti cosa fare per stare meglio.

Non capirai comunque se il tuo mal di schiena è dovuto all’intestino e alla tua alimentazione (anche perché questo non è proprio il suo lavoro).

Un ulteriore esame che potresti fare in questo caso è una bioimpendenziometria (BIA).

 

CURIOSITA’

Una bioimpendenziometria (BIA) è un esame non invasivo che valuta la composizione corporea.

Ti aiuta a capire con precisione la percentuale di massa magra (di cui fanno parte anche i muscoli) e massa grassa.

Inoltre ti permette di capire lo stato di idratazione del tuo corpo e se possono essere presenti infiammazioni tissutali (anche intestino appunto).

Se vuoi approfondire l’importanza di avere una buona dose di muscoli ai fini di accelerare il metabolismo e dimagrire ti consiglio la lettura di:

“Come mettere il turbo al metabolismo bloccato”.

 

TRATTAMENTO DA UTILIZZARE IN QUESTO CASO

Se dalla BIA emerge che:

  1. C’è una scarsa idratazione in generale (TBW)
  2. Alti livelli di acqua extracellulare (ECW)

Allora siamo in presenza di infiammazione dei tessuti.

Se questa persona ha anche episodi ricorrenti di mal di pancia, stipsi, colon irritabile e mal di schiena allora probabile che l’infiammazione sia proprio nell’intestino.

In questo caso le cose migliori da fare sono a mio avviso 2:

  1. Andare da un nutrizionista e mostrargli i risultati della BIA per farsi fare un piano alimentare congruo (e ascoltare le sue indicazioni).
  2. Adottare anche degli esercizi di ginnastica per il mal di schiena e posturale (abbiam infatti visto che il mal di schiena di solito è legato a più cause – tra cui quelle meccaniche);

Per quest’ultimo punto ti invito ad accedere alle lezioni di prova gratuita del Metodo Salva Schiena.

3 COSE DA FARE PER MIGLIORARE SUBITO IL TUO MAL DI SCHIENA IN QUESTO CASO

A questo punto dopo:

  • aver visto il rapporto tra mal di schiena e mal di pancia;
  • essere scesi in profondità capendo che non esistono esami specifici per capire se il tuo mal di schiena è legato all’alimentazione;
  • averti mostrato che può comunque essere utile fare un esame BIA

ti mostro 3 cose che puoi fare immediatamente per migliorare da subito il tuo mal di schiena.

1°COSA DA FARE: SEGUI SEMPLICI PRINCIPI DI UN’ALIMENTAZIONE SANA, CORRETTA ED EQUILIBRATA

Ancora prima di andare da un eventuale nutrizionista per farti fare un piano alimentare su misura a seguita dei risultati della BIA, il mio consiglio è di rivedere autonomamente la tua alimentazione.

Se noti che non è delle migliori, ti invito a rivederla e ad apportare delle semplici linee guida di buona alimentazione.

Magari potresti notare che già così il tuo mal di schiena migliora.

Potresti anche:

  • perdere peso
  • sgonfiarti
  • sentirti più leggero/a
  • perdere centimetri
  • un senso di benessere generale

Se cerchi qualche linea guida sull’alimentazione da mettere in pratica da solo/a puoi trovarle in:

“Alimentazione Corretta: 9 fattori determinanti per Dimagrire”.

2°COSA DA FARE: METTI IN PRATICA ESERCIZI DI GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA

Come abbiam visto sopra, il mal di schiena è una sindrome, come tale non ha quasi mai un’unica causa ma un insieme di cause (magari approfondisci QUI la lettura).

Una delle cose che è più utile fare sono esercizi specifici di ginnastica per il mal di schiena e ginnastica posturale in generale.

Tutto questo per 3 motivi:

  1. allungare la muscolatura della tua schiena;
  2. rinforzare la muscolatura della schiena;
  3. migliorare la tua postura in generale.

Clicca sull’immagine di seguito se vuoi iniziare subito a fare tutto in sicurezza sotto la mia guida.

3°COSA DA FARE: FAI ESERCIZI DI RESPIRAZIONE DIAFRAMMATICA

Un’altra cosa molto utile è fare esercizi di respirazione diaframmatica.

All’inizio della mia carriera mi ricordo come il 99% delle persone che ricevevo non sapeva più fare a respirare correttamente.

Questo anche a causa dello stile di vita frenetico e pieno di stress che conduciamo.

Il primo passo era re-insegnare loro a respirare correttamente con il diaframma limitando al massimo l’utilizzo di muscoli di spalle, collo e schiena.

Di seguito puoi approfondire, e trovi un semplice esercizio da fare subito:

“Problemi e benefici della respirazione diaframmatica”

CONCLUSIONI

Anche per oggi è tutto.

In questo articolo abbiamo visto come mal di schiena e mal di pancia siano legati molto più spesso di quanto immaginavi.

Ti ho prima mostrato i motivi e i possibili esami che puoi fare (e abbiamo visto che non esiste un esame specifico per saperlo con estrema certezza).

Ti ho mostrato una soluzione “empirica” grazie alla quale scoprire che tipo di alimento/i sono responsabili del tuo mal di schiena.

Infine ti ho mostrato 3 cose che puoi fare fin da subito per trarre sollievo alla tua schiena.

Puoi farlo da solo oppure puoi farlo in totale sicurezza guidato da me all’interno del Metodo Salva Schiena.

Grazie per l’attenzione.

Grazie alla partecipazione di Coach Miletto per la sua preziosa collaborazione.

Se l’articolo ti è piaciuto e l’hai trovato interessante, condividilo con qualcuno a cui pensi potrebbe essere utile.


Articolo a cura di Mattia Babetto Personal Trainer, esperto in ginnastica posturale e di Functional Training. Co-fondatore di fisicofunzionale.com

 

 

ADD COMMENT